Italia in lutto, le due Vip italiane sono morte in un tragico incidente (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Giorni roventi per la cronaca italiana. Non facciamo in tempo a riprenderci da una tragedia, che ne arriva un’altra e tutte sono accomunate dallo strazio, da quel dolore inspiegabile che colpisce i familiari, gli amici, i conoscenti delle vittime.

Tanti i perché, tante le riflessioni sui terribili scherzi del destino perché spesso, coloro che perdono la vita, vengono colte di sorpresa dalla morte in un giorno come tanti, mentre stanno svolgendo il loro lavoro tranquillamente.

Ecco che, quella che parte come una giornata come mille altre, si trasforma improvvisamente in un incubo che non lascia scampo e che innesca inevitabili riflessioni sull’effimera durata dell’esistenza terrena. E se il motto “carpe diem” è quello che guida molti di noi, il famoso “cogli l’attimo”, c’è chi, in un attimo, si ritrova strappato ai suoi affetti per sempre.

Ci sono azioni che svolgiamo quotidianamente, che caratterizzano la nostra routine settimanale; azioni che facciamo automaticamente, lavorativamente e nella sfera sentimentale ma ditemi la verità: quanto riflettiamo su quello che potrebbe accaderci mentre le stiamo compiendo?

Qui non si tratta di gufare o di avere una visione pessimistica delle cose ma, alla luce di tutto quello che sta accadendo, la mente spazia anche su questo tipo di interrogativi, più che leciti, direi. E quello che è accaduto in queste ore è una conferma di come la vita, così preziosa per la sua unicità, sia, spesso, vittima di terribili scherzi del destino.