Italia, fermato il serial Killer: “Era ancora sporco di sangue” (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Si da quando la notizia si era diffusa, aveva lasciato sgomenti tutti gli italiani e gli inquirenti, sin da subito, hanno preso in considerazione la pista di un serial killer.

Le vittime, tre prostitute, sono state trovate in due appartamenti poco distanti nel quartiere Prati, a Roma, nella mattinata di giovedì 17 novembre 2022 e l’ipotesi che è apparsa la più accreditata è sempre stata quella che, a colpire mortalmente le tre donne, sia stata un’unica mano. 

La prima vittima sarebbe stata Martha Castaño Torres, di nazionalità colombiana, ritrovata cadavere in via Durazzo. Secondo il medico legale la sua uccisione sarebbe avvenuta fra le 8.40 e le 10, dopo un rapporto sessuale. Il corpo esanime, è stato rinvenuto sul letto, con segni d’accoltellamento.

A dieci minuti di distanza, sono state rinvenute altre due prostitute decedute, di nazionalità cinese, entrambe uccise sempre con un coltello, dunque con la stessa modalità. La prima, 45enne, è stata ritrovata morta nell’appartamento, mentre la 25enne, in una pozza di sangue sul pianerottolo, forse mentre tentava di scappare dal suo killer.

Nonostante l’arma del delitto, con cui le 3 donne sono state pugnalate fatalmente al petto e alla gola, non sia ancora stata ritrovata, il loro presunto assassino si, dunque abbiamo una svolta in questa strage.