“Il corpo fatto a pezzi, speranze finite”. Il drammatico ritrovamento poco fa

E' di poco fa la terribile notizia di un macabro ritrovamento in Italia, la Procura ha aperto un fascicolo. Si indaga per omicidio, ecco di chi è il cadavere.

Pubblicato il 29 luglio 2022, alle ore 11:10

“Il corpo fatto a pezzi, speranze finite”. Il drammatico ritrovamento poco fa

Ascolta questo articolo

Agghiacciante ritrovamento poco fa in Italia, sono stati rinvenuti pezzi di corpo umano in un sacco dell’immondizia. Non è purtroppo la prima volta che si fanno ritrovamenti di questo tipo, con le stesse agghiaccianti modalità di occultamento del cadavere. Basti ricordare il caso dello scorso marzo di Charlotte Angie, la 26enne fatta a pezzi e ritrovata in sacchi della spazzatura a Borno. 

Le forze dell’ordine si sono subito recate sul posto per delimitare l’area ed avviare le prime indagini, mentre la Procura ha già aperto un fascicolo per omicidio e ha disposto i primi esami per scoprire l’identità della vittima. Al momento sono al vaglio diverse ipotesi: ecco quelle più attendibili.

L’accaduto

Il ritrovamento è avvenuto nella prima mattinata di ieri, 28 luglio, nella provincia di Rovigo, dove pezzi di corpo umano sono stati rinvenuti sparsi in una zona di alcuni chilometri. Dapprima è stata scoperta la gamba in una chiusa, poi altre parti del corpo nelle acque del canale Adigetto, a Villanova Del Ghebbo, e infine sotto un ponte a Lendinara, ancora più inquientante il ritrovamento del tronco e della testa di un uomo.

La Procura di Rovigo ha disposto immediatamente l’apertura di un fascicolo per omicidio, di quello che sembra essere un uomo dalla pelle chiara; per risalire all’identità della vittima si procederà ovviamente con gli esami di rito del medico legale. A segnalare il macabro ritrovamento sono stati i tecnici del Consorzio di bonifica, che, mentre perlustravano la zona, hanno chiamato subito i Carabinieri dopo aver avvistato una gamba che alleggiava nell’Adigetto.

Il medico legale chiamato sul posto per analizzare questi resti umani, ha fornito un importante indizio dichiarando come l’arto non si trovasse in acqua da molto tempo. Le acque dell’Adigetto sono state poi scandagliate dai Vigili del Fuoco, i quali hanno poi rinvenuto gli altri resti umani in alcuni sacchi di plastica nera. Si attendono ulteriori aggiornamenti proprio in queste ore.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Si tratta davvero di un ritrovamento agghiacciante, non è la prima volta che si fanno simili scoperte in Italia. Già nei mesi scorsi altri casi di cronaca molto simili hanno turbato l'opinione pubblica. Spero che le autorità facciano subito luce su questa torbida vicenda e che l'identità dell'uomo sia subito accertata.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!