Ha dolori alle gambe, il medico scopre qualcosa di inquietante (2 di 2)

In un pronto soccorso, spesso i sanitari si trovano al cospetto di dolori fortissimi, lancinanti, di cui devono scoprire l’origine, al fine di predisporre una cura. I sintomi possono sottendere problemi di poco conto o ben più seri, pertanto la diagnosi differenziale è fondamentale. Quanto accaduto in un ospedale di New York ha lasciato letteralmente sconvolti tutti coloro che, per puro caso, si sono imbattuti nella notizia.

Si, perché notizie del genere, essendo curiose, fanno immediatamente il giro del web, diventano virali. Ma torniamo al caso. Un ragazzo di 18 anni si è presentato al pronto soccorso del nosocomio lamentando fortissimi dolori allo stomaco e alle gambe, dunque in due punti completamente differenti del corpo. Un rebus per i sanitari che lo hanno preso in carico. Dopo 10 minuti di attesa, tra le urla strazianti, è stato praticamente impossibile non soccorrerlo.

Erano lamenti talmente forti da far girare tutti coloro che, come lui, aspettavano il loro turno in sala d’attesa. Il pronto soccorso è un luogo sempre strapieno in cui si riversano tutti i casi, anche quelli più strani ma è doveroso, da parte del personale medico, ottemperare al suo compito, per non lasciare nulla senza una spiegazione e per non far incorrere il paziente in rischi anche gravi.

Il medico di turno che ha preso in carico il 18enne lo ha fratto spogliare per poterlo, ovviamente visitare ma, come potete osservare dalle foto che, in effetti, sono un tantino “forti”, ha notato subito dei segni evidenti sulle gambe. Volendo andare a fondo, ha effettuato l’anamnesi del paziente ed è a quel punto che si è trovato davanti ad una confessione pazzesca. 

Il ragazzo ha ammesso di essersi provocato quei tagli e quelle macchie, simili a degli scarabocchi di un bambino, con atti di autolesionismo, dichiarando: “avevo bisogno di attenzioni “. Mentre si trovava in ospedale, con il dottore sotto choc per quanto aveva appena sentito, i dolori sono diventati sempre più insistenti. Fatalità ha voluto che si trovasse nel posto giusto al momento giusto poiché  2 ore dopo era in sala operatoria per dei calcoli renali. E’ grazie ad un colpo di fortuna se è ancora vivo! Assurdo ma vero.

Scopri altre storie curiose