Green pass, torna obbligatorio: ecco dove e quando (1 di 2)

Ascolta questo articolo

E’ stato il nostro inseparabile compagno fino al 30 aprile, e pare che ora potrebbe tornare obbligatorio. Parlo del green pass, documento disponibile in formato cartaceo e digitale che certifica: l’avvenuta vaccinazione contro il Covid-19, la guarigione dall’infezione da Covid-19. il referto di un test molecolare o antigenico rapido per la ricerca del Covid-19 che riporti esito negativo e che sia stato eseguito nelle 48 ore antecedenti.

Come in molti sapranno, era stato introdotto dal decreto legge n. 127/2021 ed è stato in vigore dal 15 ottobre 2021 al 30 aprile 2022 fino alla decisione del governo di dirgli “addio”.

Almeno così tuonavano molti media all’indomani dalla decisione dell’esecutivo di non dover più esibire il certificato verde, quello che portavano in dimensioni stra ridotte nel borsellino o direttamente sul cellulare, per terrore di dimenticarlo da qualche parte.

Insomma, quello che per molti era sinonimo di sicurezza, mentre per altri solo una “rognosa pratica quotidiana da esibire” potrebbe tornare ben presto. Il suo, insomma, non è stato un addio ma un arrivederci.

Sembrerebbe un ritorno dietro l’angolo, quello della certificazione verde, almeno secondo quanto riferito da “il Paragone”. Ma vediamo cosa sta accadendo in dettaglio, per capire dove e quando potrebbe ritornare.