Falsi alimenti sani che promettono miracoli su salute e linea

Alcuni cibi sono quelli preferiti di chi è a dieta e di chi vuole mangiare in modo salutare, ma in realtà non tutti sono davvero sani e ligh. In questo articolo scopriremo quali e perché sono falsi alimenti sani che promettono miracoli su salute e linea.

Falsi alimenti sani che promettono miracoli su salute e linea

Le mode, le tattiche di marketing e le diete estreme hanno lanciato sulle tavole alcuni prodotti e ricette che non sono realmente light e, soprattutto, costituiscono falsi alimenti sani nonostante promettano miracoli su salute e linea.

Le tanto decantate e leggere gallette di riso, per esempio, possono contentere fino a 400 calorie per 100 grammi di prodotto. Costituite soprattutto da carboidrati e sale, le gallette sono prodotte tramite estrusione ad alte temperature per fare gonfiare i chicchi di riso; in questo modo, però, i produttori li privano di quasi tutte le proteine, sali minerali, vitamine e fibre, quindi hanno un alto indice glicemico e danno sazietà solo per pochissime ore.

Bisogna fare attenzione anche nella scelta delle barrette proteiche e i muesli. E’ importante guardare sempre quante calorie apportano e la lista degli ingredienti perché, per essere davvero salutari, non devono contenere grassi, zuccheri aggiunti, sale, conservanti e coloranti ma essere composte da un mix equilibrato di frutta e semi al naturale o poco lavorati. Inoltre, visto che spesso sono composti da frutta secca e miele, alimenti molto calorici, non bisogna esagerare con le porzioni. Stesso discorso vale per gli energy-drink che sono composti soprattutto da zuccheri, aromi artificiali e coloranti.

I frullati e gli smoothie spesso diventano un mix altamente calorico di zuccheri, in particolare quando ci mettiamo molta frutta, aggiungiamo zucchero e lo arricchiamo con il latte. In realtà, la frutta contiene naturalmente zucchero e, aggiungendone ancora, andremo ad aumentarne la quantità. E’ consigliato prepararli con limitate quantità di frutta, senza zucchero e con aggiunta di acqua o di pochissimo latte scremato o parzialmente scremato.

Bisogna prestare attenzione anche alle bustine di semi e frutta secca mista che se negli ingredienti hanno zuccheri, coloranti, oli, solfiti e conservanti aggiunti sono falsi cibi sani. In questi casi è meglio preferire la frutta secca con guscio per avere la sicurezza di mangiare l’alimento in purezza.

Alimenti “senza”

In generale, bisogna sempre leggere la lista degli ingredienti e le tabelle nutrizionali, anche di quei alimenti che si proclamano “senza grassi” e “integrali”: i primi perché bisogna accettarsi che la composizione dell’alimento sia realmente senza grassi; i secondi perché spesso dall’aspetto troppo perfetto e a grana fine, possiamo capire che, nonostante siano integrali, sono stati molto lavorati e raffinati ugualmente.

Altra moda è quella degli alimenti senza glutine perché ritenuti più sani ma, paradossalmente, in realtà sono più lavorati di quelli con il glutine e vi vengono aggiunti addensanti. Bisogna ricorrere a questo particolare tipo di alimenti solo se si ha realmente questa intolleranza.

Attenzione agli ingredienti

Alcuni alimenti vengono arricchiti con dolcificanti e aromi artificiali per dargli il sapore di un determinato ingrediente ma, in realtà, potrebbero non contenerlo. Quindi è sempre bene leggere gli ingredienti ed evitare di comprare gli alimenti in cui c’è la dicitura “aroma di …” e non l’ingrediente vero e proprio.

Più lunga è la lista degli ingredienti che compongono un alimento più è possibile ritrovarsi difronte a ingredienti di origine chimica, zuccheri, grassi e aromi che non fanno per niente bene alla salute. Bisogna scegliere sempre alimenti poco lavorati e con liste degli ingredienti brevi e naturali.
Inoltre, è bene ricordare che gli alimenti sono composti in maggior proporzione degli ingredienti che vengono scritti per primi nell’etichetta.

I nostri video tutorial
Rita Serretiello

Cosa ne pensa l'autore

Rita Serretiello - Una cosa che mi è successa ultimamente è stata quella di leggere gli ingredienti della camomilla solubile e scoprire che di camomilla c'è solo il 5%, il resto qualche elemento chimico, aroma di camomilla e tantissimo zucchero, tanto che è il primo ingrediente che compare e la camomilla l'ultimo. Inoltre, essendo intollerante al lattosio, devo per forza leggere tutte le etichette e, spesso, mi sono stupita non solo di quanti alimenti impensabili lo contengano, ma anche della lunghezza e assurdità di ingredienti chimici che aggiungono per insaporire e rassodare i prodotti.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!