Elena Del Pozzo, emergono nuove sconcertanti rivelazioni in diretta Tv: ” Ecco cosa faceva alla figlia” (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Elena Del Pozzo, che avrebbe compiuto 5 anni il prossimo 12 luglio, non c’è più. E’ stata massacrata a morte dalla madre reo confessa Martina Patti in un terreno incolto di Mascalucia, nel Catanese.

Un terreno incolto a soli pochi metri dalla villetta di via Euclide, in cui madre e figlia vivevano, il 13 giugno, ha custodito il corpo della bimba, in una buca, fino a quando, poche ore dopo, la stessa Patti l’ha fatto ritrovare.

La donna ha prima inscenato il rapimento da parte di un commando di uomini armati e poi, messa alle strette da un interrogatorio serrato, ha lentamente sputato fuori la verità.

Prima ha indicato ai carabinieri dove avrebbero ritrovato il corpo, poi ha confessato di essere stata lei l’autrice materiale dell’omicidio. Sul corpicino, l’autopsia ha rinvenuto 11 fendenti, inferti con un coltello da cucina, l’arma del delitto che non è ancora stata ritrovata.

Mentre Elena è in una bara, la madre è rinchiusa nel carcere di Piazza Lanza, sorvegliata a vista h24, per paura che possa compiere atti autolesionisti o che le altre detenute possano aggredirla. Su di lei pendono le accuse di omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere, con la paura che possa fuggire, inquinare le prove o continuare a uccidere.