Ecco i sintomi della SLA che state ignorando. Meglio fare attenzione! (1 di 2)

Ascolta questo articolo

In molti rimaniamo colpiti se a qualcuno di nostra conoscenza o ad una persona a noi molto cara, viene diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica, nota, ai più, con l’acronimo di SLA o malattia di Lou Gehrig.

Partendo con l’abbattere dei falsi luoghi comuni sulla malattia, quindi premettendo che non si tratta di una malattia contagiosa, cerchiamo di conoscere meglio quali sono i campanelli d’allarme a cui prestar attenzione.

Delle volte, così come in molte altre patologie, i sintomi di esordio possono essere facilmente fraintesi, scambiati per quelli di problematiche più blande; convincendoci che tutto possa risolversi con un farmaco da banco, un po’ di riposo e un po’ di pazienza.

Purtroppo non è così, anzi, magari lo fosse! La SLA, infatti, è una malattia neurodegenerativa progressiva dell’età adulta, causata dalla perdita dei motoneuroni spinali, bulbari e corticali, che conduce alla paralisi dei muscoli volontari fino a coinvolgere anche quelli respiratori.

Ma come si può riconoscerne l’insorgenza? Ci sono dei sintomi che magari sottovalutiamo e sui quali dovremmo soffermarci? Vediamolo meglio insieme, in modo da poter conoscere di cosa stiamo parlando.