Dramma in Italia: giovane agente di polizia si spara per strada (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono tragedie imprevedibili, che si consumano in un giorno qualunque, senza che nulla potesse presagire un accadimento simile. Eppure la cronaca ci ha abituati a casi così.

Non è facile per me, da giornalista, parlarne, immedesimandomi nei genitori e nei parenti stretti di coloro che stanno lottando tra la vita e la morte o, purtroppo, hanno già perso la battaglia.

Sono storie pervase di profonda sofferenza interna, intrise di dolore, attorno alle quali ruotano tanti perché, cui non è facile dare una risposta. In molti drammi, la risposta è custodita in una bara.

Dovremmo chiederci perché, nella nostra società, si sta verificando tutto questo all’ordine del giorno. Stiamo sbagliando in qualcosa? Non abbiamo, forse più, la capacità di ascoltare i problemi altrui?

In un mondo sempre più frenetico ed individualista, sono in pochi coloro che tendono la mano alla richiesta di aiuto, che offrono i loro aiuto disinteressatamente. Ma vediamo, in dettaglio, cosa è accaduto ad un poliziotto poche ore fa.