Donna si sveglia con il volto paralizzato, adesso vuole mettere in guardia tutti (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono storie che rasentano il surreale, che ad ascoltarle mettono i brividi, spaventano, ci lasciano sgomenti, increduli. A volte, travolti dalla frenesia della quotidianità, non ci accorgiamo dei segnali lanciati dal nostro corpo.

Se l’organismo è in una condizione di malessere, gravato dai mille impegni che vanno ottemperati ogni giorno, specie ora che si è ritornati alla routine dopo le vacanze estive, ce lo comunica.

Ogni corpo reagisce a suo modo ad una situazione di sofferenza. C’è chi avverte crampi allo stomaco, chi mal di testa, chi enorme senso di spossatezza. Ma, nel tram tram, barcamenandosi tra lavoro, casa, scuola, hobby dei propri figli, questi segnali non vengono recepiti.

Si tende a farli passare per semplici malesseri da cambio stagione, fino a quando, tralasciando a dismisura i campanelli d’allarme, si arriva a conseguenze davvero preoccupanti.

La storia che sto per raccontarvi è un esempio lampante di un problema sottovalutato. Arriva da lontano ma serve a farci riflettere, invitandoci a prestare maggiore attenzione a quel che il nostro organismo vuole comunicarci.