Devastante lutto per il cantante italiano: la commozione è troppo forte (2 di 2)

Ascolta questo articolo

Parlo di un cantante famoso per il suo talento, per la sua voce inconfondibile, sia in Italia che all’estero. Parlo di Gianluca Ginoble, che fa parte del trio Il Volo. Originario di Roseto degli Abruzzi, una bellissima cittadina costiera in provincia di Teramo, il cantante, in queste ore, è devastato per la perdita di una sua carissima amica.

La vittima, la 22enne Flavia Di Bonaventura, che frequentava l’Accademia di Belle Arti di Roma, è stata travolta e uccisa domenica scorsa da un automobilista ubriaco mentre lei, in sella alla sua bicicletta, stava percorrendo, la statale Adriatica a Scerne di Pineto assieme ad altri due amici.    L’ultimo addio a questa splendida ragazza, 3 giorni fa, con la cerimonia funebre che si è tenuta nella piazza del municipio,  alla presenza di circa 1000 persone, giunte anche dalle zone vicine per esprimere tutta la loro vicinanza e il loro cordoglio ai familiari di Flavia.

Il conducente che l’ha investita, ubriaco al momento del sinistro, è il pizzaiolo 34enne Davide De Felicibus, originario di Atri ma residente a Roseto, dove convive con una donna del posto. L’uomo è finito ai domiciliari per i reati di omicidio stradale e lesioni.  Gianluca Ginoble, profondamente commosso, è salito sul palco, intonando l’Ave Maria dinnanzi ai presenti,  per poi sfociare in un pianto liberatorio. In tantissimi  coloro che hanno scritto messaggi alla famiglia, esaltando la generosità, la sensibilità umana e artistica di questa giovane povera vittima.

Flavia, a detta dei suoi genitori e della sorella Giulia  era solare, estroversa, ottimista e tutta la sua solidarietà verso gli altri è dimostrata dal consenso all’esportazione dei suoi organi che hanno salvato la vita di 4 persone in attesa di trapianto.  “I giovani non dovrebbero morire mai, e quando succede non troviamo le parole per descrivere un dolore troppo grande”, ha  dichiarato il sindaco Mario Nugnes,  che ha partecipato alla cerimonia funebre, al termine della quale sono stati fatti volare tantissimi palloncini bianchi per esprimere tutta la purezza e la semplicità di questa ragazza strappata così prepotentemente alla vita .

Una vita che aveva ancora troppe cose da regalarle, e che lei, sono certa, avrebbe accolto con il sorriso. Purtroppo il destino  ha avuto la meglio. Non ci sono parole per questa giovane artista, con la passione per la pittura, per i disegni, per la fotografia, che nell’ultimo periodo si dedicava ai tatuaggi, realizzato disegni che donava gratuitamente ai suoi amici affinché se li tatuassero. Solo lacrime, dolore, sconforto per quanto accaduto; per l’ennesima vittima innocente. Un angelo in più nel Paradiso che rallegrerà tutti con la sua presenza, ne sono certa.

Scopri altre storie curiose