Covid-19, Matteo Bassetti: "Rischio che virus riprenda forza"

Il noto virologo del San Martino di Genova ha lanciato l'allarme su una possibile ripresa della pandemia da Covid a Est dell'Europa, territorio attraversato dalla crisi in Ucraina, dove migliaia di profughi stanno scappando anche in Polonia e Romania.

Covid-19, Matteo Bassetti: "Rischio che virus riprenda forza"

Ascolta questo articolo

Anche all’inizio di quest’anno il mondo intero ha dovuto fare i conti con la pandemia di Covid-19, e soprattutto con la coda della quarta ondata comiciata lo scorso dicembre. In molti Paesi europei si sono superati addirittura i 100.000 contagi giornalieri, una cifra spaventosa che non si era mai vista, e che ha costretto numerose autorità governative, incluse quelle italiane, a reintrodurre precise restrizioni alle libertà personali. Con l’avvio ormai della vaccinazione si è deciso di stringere le maglie attorno ai non vaccinati, i quali sono stati esclusi dalla maggior parte delle attività sociali. 

Questi ultimi non possono ancora oggi entrare in bar e ristoranti sia nei posti al chiuso che in quelli all’aperto. Forse le cose potrebbero cambiare tra qualche settimana. Ma come stiamo vedendo in questi giorni un’altra emergenza è cominciata: stiamo parlando della guerra in Ucraina, nazione che è stata invasa dalla Russia militarmente lo scorso 24 febbraio. Da allora la tensione nel mondo intero è salita enormemente e la pandemia è quasi passata in secondo piano anche sui giornali. 

L’allarme di Matteo Bassetti

In queste ore sulla questione pandemia è intervenuto il noto virologo e direttore del reparto Malattie Infettive del San Martino di Genova, Matteo Bassetti, il quale ha lanciato un allarme proprio alla luce di quello che sta succedendo in Ucraina. “In questo momento in Ucraina c’è bisogno di medici che sappiano gestire le ferite da arma di fuoco, specialisti in medicina di guerra. C’è necessità di chirurghi e ortopedici, meno di infettivologi ma comunque alcuni colleghi hanno espresso la volontà di andare a dare una mano” – così ha affermato Bassetti. 

Il grande movimento generato dalle migliaia di rifugiati potrebbe quindi dare nuovo slancio alla pandemia, questo se si tiene presente che in Ucraina soltanto il 33% delle persone adulte è vaccinato contro il Covid. Bassetti crede che bisogna dare aiuto proprio nei Paesi in cui gli ucraini si stanno andando a rifugiare. 

“Si rischia che da quelle parti il virus riprenda forza e non possiamo assolutamente consentirlo e permettercelo. Oltre agli aiuti militari e logistici, occorre mettere in piedi una campagna di prevenzione delle malattie infettive con vaccinazioni offerte a tutti” – questo è il monito finale che lancia Matteo Bassetti, secondo il quale per venire incontro a questa situazione non c’è tempo da perdere.

I nostri video tutorial
Fede Sanapo

Cosa ne pensa l'autore

Fede Sanapo - Quello di Matteo Bassetti è sicuramente un monito molto importante. Il grande transito di rifugiati dall'Ucraina ai Paesi vicini, Italia inclusa, rischia di creare altri focolai di Covid-19. Se la situazione pandemica dovesse riesplodere, con una situazione del genere in atto, ovvero la guerra, le cose potrebbero assumere un quadro assolutamente drammatico.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!