Come lavare le scarpe da running senza rovinarle

Come lavare le scarpe da corsa donna nel modo corretto e asciugarle perfettamente in poco tempo. Consigli e idee pratiche per rimuovere le macchie e i residui di terra.

Come lavare le scarpe da running senza rovinarle

Ascolta questo articolo

Le scarpe da corsa donna sono indispensabili per chi si dedica al running e per farle durare nel tempo e preservare le loro caratteristiche, è necessario trattarle con cura e nel modo giusto. Le scarpe da corsa possono essere lavate, ma è importante prestare attenzione ad alcuni particolari per evitare di rovinarle. Ovviamente, è fondamentale in primo luogo acquistare scarpe di qualità, come quelle disponibili a questo link diadora.com/it/it/donna-scarpe-running/, in questo modo i rischi che le scarpe si rovinino sono minori.

Tuttavia, sudore, residui di terreno e incrostazioni di fango, ma anche polvere e asfalto possono sporcare le scarpe da corsa donna e danneggiare sia la suola che la tomaia. Meglio correre ai ripari e lavarle con una certa costanza per eliminare questi elementi.

Scarpe da corsa donna, meglio lavarle a mano

Nonostante il lavaggio in lavatrice sia possibile e rappresenti una soluzione decisamente comoda, è meglio optare per il lavaggio a mano. Il calore eccessivo e la centrifuga, ad esempio, potrebbero danneggiare le mescole della suola e della tomaia.

Inoltre, bisogna considerare che alcuni elementi come terreno e fango che restano incastrati sotto la suola o sulla tomaia, possono andare a ostruire il filtro e sporcare il cestello della lavatrice.

Il lavaggio a mano, quindi, non solo è più sicuro per le scarpe da corsa donna, ma preserva anche la lavatrice. Il primo consiglio è quello di rimuovere le solette interne e i lacci e scegliere un detergente delicato o uno specifico per le scarpe.

Anche l’interno della scarpa va lavato con una soluzione di acqua e sapone da strofinare delicatamente con un panno.

Lavare le scarpe a mano non è così difficile e richiede poco tempo, mentre bisognerà attendere un po’ di più per far sì che le scarpe siano completamente asciutte. In alcuni casi, però, è possibile inserire nell’asciugatrice se presente un programma apposito.

Eliminare le macchie ostinate dalle scarpe da corsa

Soprattutto se si corre su strade sterrate o di campagna, dove terra, fango, erba e altri elementi possono sporcare e tingere la tomaia e la suola, ma anche se si corre spesso in città su asfalto o campi sportivi, le scarpe da corsa possono macchiarsi o risultare difficili da pulire.

Per eliminare eventuali macchie e residui resistenti dalle scarpe da corsa donna è necessario munirsi di un piccolo spazzolino. Per questa operazione, ad esempio, è possibile utilizzare anche un comune spazzolino da denti aggiungendo a esso un po’ di detergente e strofinando delicatamente la superficie della scarpa o la suola ed eliminando la macchia. Per evitare che possano comparire aloni, meglio risciacquare bene la scarpa soprattutto nel punto in cui era presente la macchia.

Attenzione a non utilizzare spugne abrasive o detergenti troppo aggressivi: si rischierebbe di eliminare il colore e di danneggiare il materiale della tomaia.

Asciugare le scarpe da corsa donna, ecco come fare

Una volta aver lavato le scarpe a mano, bisognerà eliminare l’acqua in eccesso per velocizzare i tempi di asciugatura che, in assenza di un’asciugatrice con programma apposito, sarebbero piuttosto lunghi.

La soluzione migliore per evitare che il calore eccessivo delle asciugatrici o dei termosifoni possa danneggiare la colla presente in alcune parti delle scarpe, è quella di lasciare le calzature all’aria fresca o al sole. Lacci e solette possono essere appesi allo stendino. In questo modo, i tempi di asciugatura saranno più lunghi, ma il risultato sarà decisamente migliore.

Per assorbire l’acqua e l’umidità in eccesso si possono inserire all’interno dei fogli di giornale accartocciati che, però, bisogna cambiare con frequenza.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!