Che fine fanno i prodotti alimentari destinati ai poveri? Ecco cosa è stato scoperto (2 / 2)

Al giorno d’oggi a causa della crisi economica ancora in corso molte persone non riescono neanche a fare la spesa, in quanto vivono in una condizione tale di indigenza che devono per forza chiedere aiuto.

Aiuto che arriva ovviamente dalle associazioni che si occupano di distribuire il cibo alla gente che ne ha bisogno. Sono soprattutto gli anziani che vivono in una condizioni di povertà quasi assoluta e che hanno sempre più difficoltà a fare la spesa.

Spesso si è appreso ad esempio di anziani che pur di mangiare qualcosa hanno derubato magari un supermercato. In molti di questi casi non è partita neanche una denuncia in quanto chi ha fatto quel determinato gesto era una persona che aveva bisogno di cibo e che per disperazione ha agito in quella maniera.

Ma una denuncia è arrivata anche da Palermo, dove pare si siano notati degli aiuti destinati ai poveri nel famoso mercato Ballarò. Buste di latte e pacchi di riso e farina, provenienti dall’Ue, sono stati messi in vendita, a prezzi bassi e allettanti, anziché distribuiti agli indigenti.

A segnalare l’accaduto sono state alcune associazioni che si occupano dell’assistenza ai poveri nel capoluogo siciliano. “Se accadono queste cose, se c’è qualcuno che anziché donare i generi di prima necessità a chi ha più bisogno, li mette in vendita allo scopo di lucrarci, sempre meno saranno gli alimenti che spettano alle famiglie” – questo il comunicato delle associazioni.

Ci sarebbe inoltre anche il problema che alcuni generi alimentari si fermerebbero nelle case dei volontari, trattenute di proposito da questi ultimi, in modo forse da recuperare i rimborsi.