Caso Gaia Randazzo, le ultime 45 chiamate: “Mentre era sul traghetto ha…” (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Dall’11 novembre di giorni ne son passati tanti senza che di Gaia Randazzo si sappia più nulla. Questa splendida ragazza che tutti noi abbiamo conosciuto attraverso le foto diffuse in rete, con la speranza di ritrovarla, è scomparsa dal traghetto sul quale era salita a Genova per recarsi dai nonni a Palermo.

E’ nella notte tra il 10 e l’11 novembre che di Gaia, originaria di Codogno, in provincia di Lodi, ma residente a Paderno Ponchielli, nel Cremonese, si perde ogni traccia.

Sappiamo che non era sola sul traghetto Suprema della Gnv (Grandi navi veicoli) Genova-Palermo, in quanto con lei c’era il fratello 15enne; colui che, al mattino seguente, intorno alle 7:30, non vedendola più accanto a lui, ha iniziato a cercarla disperatamente, ma invano, sino ad allertare il personale della nave.

Quel che sappiamo è che la nave è partita la sera di giovedì attorno alle 23 ed è arrivata al porto di Palermo venerdì sera verso le 20. Quel che è certo è che dalla nave Gaia non è mai scesa.

Essendo passato ormai più di un mese dalla scomparsa, mentre le indagini proseguono a ritmo serrato, pur di recuperare più indizi possibili, utili a ricostruire quanto accaduto, vediamo, insieme, a che punto si è arrivati.