Carotenoidi: benefici e proprietà. Ecco in quali alimenti si trovano

I carotenoidi hanno una funzione antiossidante capace di contrastare i radicali liberi, ecco perché è importante assumerli giornalmente e in quali alimenti si trovano.

Carotenoidi: benefici e proprietà. Ecco in quali alimenti si trovano

carotenodi sono una classe di pigmenti organici presenti nelle piante o in organismi fotosintetici, come le alghe ed alcune specie di batteri. I benefici di questi particolari pigmenti sono moltepici; più intenso è il loro colore, più è elevato il livello di carotene al loro interno.

Per garantire all’organismo una buona percentuale di questi pigmenti, bisogna assumere gli alimenti che lo contengono ogni giorno. A tal proposito, i carotenoidi si trovano in frutta, verdura, ortaggi, semi, bacche e cereali; tra questi: carote, zucca, mango, albicocche, peperoni, patate americane, pomodori, prugne, cavolo rosso e meloni.

Tipologie, proprietà e benefici dei carotenoidi 

I carotenoidi vantano proprietà antiossidanti capaci di contrastare i radicali liberi complici dell’invecchiamento precoce; inoltre, aiutano a prevenire patologie come l’Alzheimer, il Parkinson ed alcune malattie cardiovascolari e infiammatorie.

Il licopene è un tipo di carotenoide che ha proprietà antitumorali ed è il maggior carotenoide contenuto nell’organismo umano; tuttavia, il corpo non riesce a sintetizzarlo per cui per garantire il suo assorbimento è utile mangiare pomodori, angurie, pompelmo rosa, papaia e albicocche.
Un’altra tipologia di carotenoide è la luteina capace di contrastare le malattie della retina dell’occhio, difendendo dunque la vista. Questa tipologia si trova in piselli, insalata, prugne, fagioli, arance, carote, kiwi e spinaci.
Tra le sostanze appartenenti alla famiglia dei carotenoidi vi è anche betacarotene precursore della vitamina A che svolge importanti funzioni per il nostro corpo, come proteggere la pelle dai raggi solari negativi. Assumere alimenti che contengono questa vitamina permette alla pelle di abbornzarsi in modo uniforme e duraturo; per questo motivo, per assumere una buona percentuale di vitamina A bisogna consumare zucca, spinaci, albicocche, cereali, peperoni e verdure a foglia verde.

I nostri video tutorial
Valentina Isernia

Cosa ne pensa l'autore

Valentina Isernia - E' sempre interessante scoprire le proprietà benefiche degli alimenti che mangiamo quotidianamente. Poichè la maggior parte di questi citati sono alimenti che consumo spesso, mi fa molto piacere scoprire i vantaggi che posso trarre dalla loro assunzione. Sta per arrivare l'estate e fare il pieno di vitamina A non è affatto una cattiva idea!

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!