Cambio repentino del tempo, dopo il grande caldo, iniziano ad arrivare le prime grandinate (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Un’estate assurda, a tratti surreale, quella in corso in cui c’è da aspettarsi davvero di tutto. In più paesi la situazione è d’emergenza e la crisi climatica, quella che abbiamo troppo spesso ignorata, alla fine sta colpendo il Pianeta.

I cambiamenti climatici e l’effetto serra stanno portando ovunque una situazione davvero assurda. Se il caldo torrido sta mettendo in ginocchio interi paesi, provocando incendi, morti, devastazione, oltre alla piaga della siccità e alla distruzione di interi ecosistemi, il caldo estremo, in un paese in particolare, si sta convertendo in grandinate di enorme portata.

Prima di parlarvene, abbiamo già visto come nella nostra Penisola la situazione sia complessa. Se l’anticiclone africano non sembra darci tregua, tra caldo, afa, umidità che non ci permettono di respirare nemmeno di notte, in Piemonte, sui rilievi montani laziali, abruzzesi e marchigiani, nel Potentino e nel Cosentino ci sono stati fenomeni a carattere temporalesco e raffiche di vento improvvise.

Ma il caldo, quello che in molti non sopportano già più, sarà il nostro compagno forzato per molto tempo ancora. Per il momento, insomma, non possiamo far altro che armarci d’aria condizionata, evitare le ore di punta della giornata e idratarci al massimo per evitare malori anche fatali.