Brusaferro, l’annuncio choc in diretta Tv: “Moriranno..” (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Assodato che il Covid è tutt’altro che scomparso, alla luce dei preoccupanti contagi legati alla variante Omicron delle ultime settimane; sfatato il mito che la variante teme il caldo e che le temperature elevate fungono da deterrente ai contagi, occorre fare i conti con la realtà.

Immagino non sia facile, soprattutto per chi aveva una programmato un’estate diversa dalle ultime due, decisamente più “easy” e “free”, dover un attimino rivedere i programmi e, magari, annullarne alcuni per preservare la salute.

Il punto è uno: si è capito che con la Omicron 5 non si scherza? Lo chiedo perché i dati effettivi dei contagiati potrebbero essere molti di più se per davvero chi è stato colpito dalla variante uscisse allo scoperto, aiutando le autorità a fare il punto reale della situazione.

Che non sia una semplice influenza lo abbiamo capito, o meglio, lo ha capito chi, sulla propria pelle, sta sperimentando il corollario di sintomi portati dalla Omicron, in particolare quel maledetto senso di spossatezza che ti opprime per tutta la giornata.

La questione non è una passeggiata, come molti la vogliono far passare, e proprio per via della sua grande contagiosità, l’Istituto Superiore della Sanità deve, giocoforza, intervenire il prima possibile per scongiurare il peggioramento dello scenario che di per sé, è già preoccupante. Ma vediamo cosa sta accadendo.