Bonus 800€ al mese per padri separati. Ecco chi può fare richiesta e come (1 di 2)

Ascolta questo articolo

In Italia è in costante aumento il numero di coppie separate o divorziate. Sin da quando è stata introdotta la legge che poneva fine al matrimonio, il numero di matrimoni arrivati al capolinea è divenuto, gradualmente, sempre più numeroso.

Il trend, stando alle statistiche, ha subito una leggere battuta d’arresto nel 2019 ma ha ripreso ad intensificarsi a dismisura con la pandemia. Il Covid, l’emergenza sanitaria, ha rappresentato un complesso banco di prova per molte coppie.

Se già tra molti coniugi la vita tra le mura domestiche era piena di litigi, con la convivenza forzata legata al virus e la conseguente crisi economica dalla quale in molti faticano a risollevarsi, ha segnato la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Il lockdown ha esacerbato liti ordinarie, incomprensioni caratteriali, con ripercussioni inevitabili sotto l’aspetto psicologico ed emotivo, al punto che molte relazioni in bilico sono sfociate nella rottura, mentre molte hanno iniziato a non andar d’accordo proprio in piena ondata pandemica.

Una separazione è vista da alcuni come un fallimento, da altri come una liberazione, all’insegna della rinascita. Per tutti, però, il problema primario restano i soldi che nelle famiglie italiane scarseggiano in questi ultimi anni più che mai, a causa della crisi umanitaria e sanitaria in corso.