Andrea, dopo la sua morte emergono nuovi agghiaccianti particolari (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ha sconvolto tutta l’Italia la storia del piccolo Andrea Mirabile, il bimbo morto a Sharm El Sheikh, probabilmente per un’intossicazione alimentare o un avvelenamento da cibo.

La famiglia palermitana, formata da Antonio Mirabile, 46 anni, dipendente Anas, dalla moglie Rosalia Manosperti, casalinga, incinta di 4 mesi, e il figlio di 6 anni Andrea, erano in ferie in un resort della nota località turistica. Il piccolo avrebbe iniziato ad accusare dissenteria e vomito, addebitati inizialmente dai genitori ad un colpo di calore.

Poco dopo, anche gli altri membri della famiglia hanno manifestato dolori simili, al punto da andare in ospedale, dove sono stati medicati con una flebo di fisiologica e dimessi con delle piccole per intossicazione alimentare.

Le condizioni del bimbo e del padre non sono migliorate nonostante il farmaco ed entrambi sono stati trasportati all’ospedale internazionale di Sharm. Per il piccolo Andrea non c’è stato nulla da fare. E’ deceduto poco dopo l’arrivo in ospedale.