Alluvione Marche, piccolo Mattia: la notizia che nessuno voleva sentire (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Sono 11 i morti accertati dell‘alluvione che ha messo in ginocchio le Marche il 15 settembre. Tutto ad un tratto il fango, i detriti, le macerie hanno preso il sopravvento.

Una bomba d’acqua mai vista, che ha innescato il panico, lo sgomento, il terrore. Sono bastati pochi attimi per radere tutto al suolo, tra edifici inondati, centinaia di sfollati e caccia ai dispersi

Stanno lavorando senza sosta i vigili del fuoco, i carabinieri, i volontari della protezione civile, per cercare di ritrovare ancora in vita coloro che sono nell’elenco dei dispersi.

E’ una corsa contro il tempo perché, da allora sono passati diversi giorni ma c’è chi non perde le speranze. Sono i genitori del piccolo Mattia Luconi, il bimbo di 8 anni di cui si sono perse le tracce proprio la sera del 15 settembre.

Da allora, Silvia e Tiziano non si danno pace. E’ un grido di disperazione, il loro, che non sanno che fine abbia fatto il loro unico figlio, trascinato dalle onde del Nevola.