Alluvione Marche, Mattia: la notizia è appena arrivata (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Sono agghiaccianti le immagini dell‘alluvione che ha travolto le Marche il 15 settembre, mettendola letteralmente in ginocchio. Talmente ingenti i danni della bomba d’acqua che ha sorpreso gli abitanti di alcune zone, in particolare, che il Consiglio dei Ministri è stato costretto a chiedere lo stato d’emergenza .

Un bilancio drammatico, salito a 11 morti, mentre tra i dispersi figura ancora il piccolo Mattia Luconi; strappato dall’abbraccio della madre da un’onda marrone che li ha travolti.

Dal letto d’ospedale, la donna, Silvia Mereu, farmacista, continua a gridare: “Rivoglio mio figlio”. Non si da pace, mentre ricostruisce tra le lacrime la tragedia che si è consumata sotto i suoi occhi.

Lei, con forza è riuscita a sopravvivere alla brutale ferocia del fiume che l’ha travolta, mentre si trovava in auto, tra San Lorenzo in Campo e Barbara. Si è aggrappata ad un tronco per più di un’ora e mezza, fino a quando è stata soccorsa.

Ora è ricoverata per un principio di ipotermia, è salva ma ha il cuore devastato perché il suo Mattia, 8 anni, autistico, è stato inghiottito da detriti e fango.