Addio Reddito di Cittadinanza: italiani su tutte le furie (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Sul sito del governo,  viene data l’esatta definizione di Reddito di cittadinanza, una misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. Si tratta di un sostegno economico ad integrazione dei redditi familiari.

Si tratta di un sussidio istituito con il Decreto Legge n°4 del 28 gennaio 2019 dalla Repubblica Italiana, introdotto dal Governo Conte I, formato dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega.

Dopo aver ottenuto un ISEE aggiornato e raccolto  tutta la documentazione necessaria, il richiedente poteva inoltrare la domanda presso gli uffici postali, personalmente, per via telematica, sul www.redditodicittadinanza.gov.it, tramite il sito istituzionale dell’INPS, presso i CAF o i patronati.

Valutato che la domanda in questione possiede tutti i requisiti di legge, viene consegnata al beneficiario una carta prepagata ricaricabile, utilizzata  per acquistare beni e servizi oppure per prelevare denaro contante, entro un tetto massimo mensile.

In molti hanno visto nel Reddito di cittadinanza uno sussidio che ha fatto loro trovare un po’ di respiro a livello economico ma purtroppo, per migliaia di italiani, sta per arrivare una brutta notizia.