23 anni fa il disastro che sconvolse l’Italia: 39 anime arse vive

Sono passati 23 anni dall'incendio nel trasforo del Monte Bianco in cui persero la vita 39 persone, rimaste avvolte dalle fiamme e arse vive. Ecco cosa è accaduto da allora.

23 anni fa il disastro che sconvolse l’Italia: 39 anime arse vive

Ascolta questo articolo

Un giorno drammatico per la storia, un giorno che nessuno dimenticherà, quello del 24 marzo 1999, ricordato come il giorno dell’incendio del traforo del Mon­te Bianco, in cui morirono, travolte vive dalle fiamme, 39 persone.

Fu in quel giorno che l’Unione Europea visse il primo vero dramma collettivo legato alla circolazione transfrontaliera e le immagini di quanto accadde, diffuse rapidamente dai media, fanno, ancora oggi, rabbrividire. 

L’accaduto 

Verso le 10.30 del 24 marzo 1999, il camionista belga Gilbert Degrave imboccò il traforo del Monte Bianco, lungo 11 km, che collega Cha­monix e Courmayeur con il suo tir, carico di farina e margarina, secondo alcuni già fumante. Alle 10.48, arrivato all’incirca a metà tunnel, il mezzo si incendiò all’improvviso, come se fosse un fiammifero gigante, costringendo immediatamente la sorveglianza a bloccare pri­ma l’ingresso francese e poi quello italiano. 

I soccorsi si attivarono immediatamente, ma il materiale altamente infiammabile contenuto nel mez­zo, alla velocità della luce, generò fiamme che si propagarono rapidamente per via dell’effetto forno, mentre la schiuma di poliuretano utilizzata per la coibentazione del camion, incendiata, si trasformò in cianuro. Quel giorno i soccorsi non poterono far nulla di fronte a quell’enorme incendio in cui furono arse vive 39 persone, tutti autisti di diverse nazionalità europee. Di queste 18 erano francesi e 13 italiane. 

Le fiamme furono domate solo dopo oltre 2 giorni di intervento dei vigili del fuoco italiani e francesi. Dopo questa terribile disgrazia, furono messi in discussione i meccanismi di videosorveglianza e di sicurezza della struttura, anche se la fatalità, in quell’incidente, aveva giocato una parte importante. Il traforo fu riaperto solo tre anni dopo, con una riduzione drastica nei passaggi contemporanei di mezzi pesanti. Ma perchè trascorse così tanto tempo prima della riapertura? Il motivo sta nelle inaspettate lungaggini per l’approvazione del progetto, che ritardò l’avvio dei lavori.

I francesi, infatti, prima di dare il via ai lavori volevano discutere con l’Italia non solo il progetto di ripristino del traforo del Bianco, ma anche quale strategia adottare riguardo a tutti gli altri collegamenti transalpini. Sempre in quel mo­mento prese il via il dialogo tra Francia e Italia per la realizzazione di una tratta ferroviaria ad alta velocità che collegasse le città di Torino e Lione in modo tale da ridurre il traffico su strada. Una vicenda che, a a più di 20 di di­stanza, resta aperta. Cosa è cambiato? Nulla. 

I nostri video tutorial
Caterina Lenti

Cosa ne pensa l'autore

Caterina Lenti - Ricordo perfettamente le immagini in tv dell'incendio nel traforo del Monte Bianco e, nonostante le 39 persone morte, nulla è cambiato. Cosa c'è ancora da aspettare, mi chiedo? Sono passati 23 anni da allora e non si è riusciti a trovare un'alternativa. Dobbiamo aspettarci una tragedia simile a questa o è necessario un intervento concreto?

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!