Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare ad ignorare molte persone, le loro offese e la negatività (3 di 3)

Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare ad ignorare molte persone, le loro offese e la negatività

manipolazione emotiva. È importante essere consapevoli di questo e imparare come evitare commenti che ti fanno sentire responsabile o colpevole, per farti decidere come non lo faresti mai. Quando impari a ignorare quei commenti, diventi veramente libero di decidere ogni fase della tua vita.

Costruisci il tuo scudo con “l’accettazione radicale”

Siamo così abituati a reagire che diventiamo spontaneamente arrabbiati quando qualcuno si comporta male o diventiamo tristi quando veniamo criticati. In realtà, queste reazioni sono normali, non dobbiamo fingere di essere come il Buddha del racconto, il

Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare ad ignorare molte persone, le loro offese e la negatività

problema è quando durano più a lungo del dovuto e finiscono per ferirci.

Imparare a ignorare è un processo che richiede preparazione e un profondo cambiamento di atteggiamento. Anche se può sembrare una contraddizione, ignorare efficacemente non significa chiudersi in noi stessi, ma il contrario: aprirsi completamente al mondo. Una tecnica molto semplice e potente per farlo è “l’accettazione radicale”.

Questa tecnica fa parte della terapia dialettica comportamentale, sviluppata dalla psicologa Marsha M. Linehan dell’Università di Washington, e si concentra sulla regolazione emotiva migliorando le abilità come la tolleranza

Un racconto buddista ci insegna che per essere felici dobbiamo imparare ad ignorare molte persone, le loro offese e la negatività

dell’angoscia e la piena consapevolezza, quindi questo ha anche le sue radici nella filosofia buddista.

Accettazione radicale significa accettare completamente tutto senza giudicare. In pratica, molte delle cose che la gente dice ci infastidisce perché non corrispondono alle nostre aspettative, in qualche modo rifiutiamo di accettare quelle parole, atteggiamenti o comportamenti. Questo rifiuto è la fiamma che nutre frustrazione, risentimento, odio o tristezza.

Quando pratichiamo l’accettazione radicale, assumiamo semplicemente ciò che è accaduto senza entrare nei giudizi di valore. Assumendo una distanza psicologica creiamo uno scudo intorno a noi che ci dà la possibilità di reagire a questa situazione in modo da non essere emotivamente danneggiati.

Scopri altre storie curiose