Un professore di 104 andrà in Svizzera per porre fine alla sua vita (1 di 2)

Un professore di 104 andrà in Svizzera per porre fine alla sua vita

David Goodall è uno scienziato australiano di 104 anni ed ha scelto l’eutanasia per porre fine alla sua vita. Nei prossimi giorni si recherà in Svizzera per morire, il professore non soffre di nessuna malattia terminale ma ha fatto questa scelta, aveva dichiarato il giorno del suo compleanno: “Mi dispiace profondamente di aver raggiunto la mia età. Non sono felice, voglio morire, non è particolarmente triste. La cosa triste è evitare di farlo, la mia sensazione è che una persona anziana come me deve poter beneficiare dei suoi pieni diritti come cittadino, incluso il diritto al suicidio assistito“. 

In Australia il suicidio assistito è vietato.

Un professore di 104 andrà in Svizzera per porre fine alla sua vita

David Goodall ha 104 anni ed è specialista in ecologia, uno degli scienziati più anziani al mondo è pronto per volare dall’Australia alla Svizzera per terminare la sua vita perché “rimpiange di aver vissuto per così tanto tempo”.

A 104 anni, David Goodall, nato in Gran Bretagna, ha vissuto due guerre mondiali, 20 coppe del mondo di calcio e ha visto il primo uomo sulla luna quindi ha sicuramente vissuto una vita piena d’azione. Ma il botanico e l’ecologista, che vive in Australia dal 1948, dice che vuole morire. Tuttavia, attraverserà il mondo per arrivare in Svizzera e terminare la sua vita perché in Australia il suicidio assistito non è legale.

Un professore di 104 andrà in Svizzera per porre fine alla sua vita

Sono stati raccolti migliaia di dollari per permettere al professore di raggiungere la Svizzera, in molti l’hanno aiutato ed ora potrà voltare in business class per porre fine entro questo mese alla sua vita al Life Circle di Brasilea.

L’attivista della eutanasia Philip Nitschke ha detto che la sua organizzazione, l’Exit International, stava aiutando il professor Goodall a viaggiare in business class per raggiungere la clinica. Il dottor Nitschke, che ha creato la pagina di crowdfunding, ha detto che un altro motivo per cui vogliono aiutare il professor Goodall è