Troppo caldo, una mamma ha inventato il ghiacciolo al latte materno per mantenere fresco il suo bimbo (1 di 2)

Troppo caldo, una mamma ha inventato il ghiacciolo al latte materno per mantenere fresco il suo bimbo

Con il caldo record, una mamma ha inventato il ghiacciolo al latte materno per il suo bambino

Visto il caldo di questi mesi che sta invadendo tutta l’Europa, una mamma del Regno Unito ha inventato un modo per aiutare il suo bambino a restare fresco.

Si chiama Kathryn Ward ed è mamma del piccolo Torin, la sua idea è stata molto gradita dal piccolo: “Si vedeva che soffriva un pò per il caldo. Ho visto su un gruppo di Facebook che si potevano acquistare dei lecca lecca appositamente studiati per i più piccini, così ho deciso di versarci dentro un pò di latte materno“.

Troppo caldo, una mamma ha inventato il ghiacciolo al latte materno per mantenere fresco il suo bimbo

“E’ da quando è nato che lo allatto al seno, ma la novità gli è piaciuta davvero”, ha detto la giovane mamma che ha pensato di offrire il suo latte in una versione diversa.

La 38enne, di Tameside, Greater Manchester, ormai ci ha preso l’abitudine e spesso congela il latte materno per realizzare una specie di lecca a lecca per nutrire suo figlio Torin di quattro mesi.

Quando ho letto sui vari gruppi per mamme il modo per creare dei ghiaccioli/ lecca a lecca con latte materno, pensavo che fosse una strana idea“.

Troppo caldo, una mamma ha inventato il ghiacciolo al latte materno per mantenere fresco il suo bimbo

“Con il caldo che si faceva sempre più sentire, ho deciso di provare a prepararli. Ho trovato uno stampo per ghiaccioli e ho versato il latte. L’ho lasciato in frigo per qualche ora e l’ho dato a mio figlio“. Gli è piaciuto così tanto che ha cercato di finirlo in fretta.

I ghiaccioli sono anche un modo alternativo per calmare il dolore ai denti dei piccoli. Solitamente i primi denti compaiono tra il sesto e l’ottavo mese ed i nostri figli sentono dolore alle gengive che si infiammano, diventano rosse e causano disagio nel bambino.