Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni (2 di 2)

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

Quando finalmente cedette, divenne famoso per la sua corsa sfrenata lungo le strade di Cambridge, per non parlare del volgere intenzionalmente delle dita dei piedi degli studenti e della rotazione occasionale sulla pista da ballo delle feste universitarie.

La prima grande scoperta di Hawking arrivò nel 1970, quando lui e Roger Penrose applicarono la matematica dei buchi neri all’universo e mostrarono che una singolarità, una regione di infinita curvatura nello spaziotempo, giaceva nel nostro lontano passato: il punto da cui proveniva il big bang .

Penrose scoprì che era in grado di parlare con Hawking anche se il discorso di quest’ultimo falliva.

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

Hawking, disse, aveva una determinazione assoluta a non lasciare che qualcosa gli si intromettesse. “Pensava di non aver avuto molto da vivere, e voleva davvero ottenere quanto avrebbe potuto fare in quel momento.”

Non c’è il paradiso o l’aldilà per i computer guasti; questa è una favola per le persone che hanno paura del buio.

Nel 1974 Hawking attinse la teoria dei quanti per dichiarare che i buchi neri dovrebbero emettere calore e alla fine scomparire. Per i buchi neri di dimensioni normali, il processo è estremamente lento, ma i buchi neri in miniatura rilasciano calore a una velocità spettacolare, finendo per esplodere con l’energia di un milione di bombe all’idrogeno da un megatone.

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

La sua proposta che i buchi neri irradiano calore ha suscitato uno dei dibattiti più appassionati della cosmologia moderna. Hawking sosteneva che se un buco nero potesse evaporare, tutte le informazioni che cadevano all’interno della sua vita sarebbero perse per sempre. Contrastava una delle leggi più basilari della meccanica quantistica e molti fisici non erano d’accordo. Hawking arrivò a credere alla spiegazione più comune, se non meno sconcertante, che le informazioni sono immagazzinate nell’orizzonte degli eventi di un buco nero e ricadono nella radiazione quando il buco nero si irradia.

Scopri altre storie curiose