Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni (1 di 2)

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

La sua famiglia ha rilasciato una dichiarazione nelle prime ore di oggi, mercoledì 14 Marzo 2018, confermando la sua morte nella sua casa di Cambridge.

I figli di Hawking, Lucy, Robert e Tim, hanno detto in una dichiarazione: “Siamo profondamente rattristati dal fatto che il nostro amato padre sia morto oggi. Era un grande scienziato e un uomo straordinario il cui lavoro e eredità vivrà per molti anni. Il suo coraggio e la sua perseveranza con la sua brillantezza e umorismo hanno ispirato persone in tutto il mondo.

“Una volta disse: ‘Non sarebbe molto un universo se non fosse la casa delle persone che ami’. Ci mancherà per sempre”.

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

Hawking fu condotto a Wagner, quando gli fu diagnosticato una malattia del motoneurone nel 1963 all’età di 21 anni. I medici si aspettavano che vivesse solo per altri due anni. Ma Hawking aveva una forma di malattia che progrediva più lentamente del solito. Sopravvisse per più di mezzo secolo.

Hawking, una volta stimato che lavorava solo 1.000 ore durante i suoi tre anni universitari a Oxford. Nelle sue finali, è arrivato al confine tra una prima laurea e una seconda. Convinto di essere stato visto come uno studente difficile, disse ai suoi esaminatori che se gli avessero dato una possibilità, si sarebbe trasferito a Cambridge per conseguire il dottorato. Assegnare un secondo e ha minacciato di rimanere. Hanno optato per un primo.

Stephen Hawking, uno dei fisici più noti al mondo, è morto all’età di 76 anni

Coloro che vivono nell’ombra della morte sono spesso quelli che vivono di più.

Per Hawking, la diagnosi precoce della sua malattia terminale e la morte da leucemia di un ragazzo che conosceva in ospedale, ha dato un nuovo senso allo scopo. “Anche se c’era una nuvola sul mio futuro, ho scoperto, con mia sorpresa, che mi stavo godendo la vita nel presente più di prima. Ho iniziato a fare progressi con la mia ricerca “, ha detto una volta. Intraprendendo la sua carriera sul serio, dichiarò: “Il mio obiettivo è semplice. È una completa comprensione dell’universo, perché è così com’è e perché esiste. “

Ha iniziato a usare le stampelle negli anni ’60, ma a lungo ha combattuto l’uso di una sedia a rotelle.