Se il tuo gruppo sanguigno è 0, ecco 8 cose assolutamente da sapere (1 di 3)

Se il tuo gruppo sanguigno è 0, ecco 8 cose assolutamente da sapere

Il sangue umano è stato classificato per la prima volta in 4 tipi ben noti nel primo decennio del 1900 da Karl Landsteiner, un medico austriaco. Non è un segreto che è importante conoscere il proprio gruppo sanguigno per situazioni di emergenza, poiché una corrispondenza del sangue è cruciale per fare delle trasfusioni sicure. Si scopre, tuttavia, che le caratteristiche del sangue possono anche influenzare la nostra salute e, come alcune persone credono, anche la nostra fortuna e personalità.

Se il tuo gruppo sanguigno è 0, ecco 8 cose assolutamente da sapere

Abbiamo scoperto alcuni fatti scientifici e teorie curiose sul tipo di sangue O e non vediamo l’ora di dirti cosa abbiamo trovato.

Come vengono determinati i gruppi sanguigni?

I gruppi sanguigni sono classificati in base alla presenza o assenza di determinati antigeni che possono scatenare una risposta immunitaria quando sono estranei al corpo. Questi antigeni possono far sì che il sistema immunitario del paziente attacchi il sangue trasfuso. Questo è il motivo per cui è così importante conoscere il proprio gruppo sanguigno e essere a conoscenza delle corrispondenze sicure per le trasfusioni di sangue.

Se il tuo gruppo sanguigno è 0, ecco 8 cose assolutamente da sapere

Individuare le caratteristiche del sangue 0

Esistono 4 principali tipi di sangue determinati dalla presenza o assenza di antigeni A e B nella superficie dei globuli rossi e anticorpi A e B nel plasma. Oltre agli antigeni A e B, esiste una proteina chiamata fattore Rh che può essere presente o assente. Complessivamente, questo costituisce 8 tipi di sangue: A +, A-, B +, B-, O +, O-, AB + e AB-. Il sangue di tipo O non ha antigeni A né B nei globuli rossi ma ha entrambi anticorpi A e B nel plasma. Il tipo O + è il gruppo sanguigno più comune che rappresenta il 37% – 53% delle persone in diversi gruppi etnici e razziali.