Sani o malati? Ecco cosa significano i vari tipi di cerume sui cotton fioc (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Il cerume non è esattamente un argomento piacevole da trattare: molto spesso anche solo il pulirci le orecchie può causare moti di disgusto, se lo facciamo di fronte a qualcuno. Specialmente se questo poi assiste all’estrazione del cotton fioc con tanto di grossa pallina aranciognola a sommità del bastoncino. Ma il cerume ci serve, eccome. Esso svolge delle funzioni importanti per le nostre orecchie che non osiamo nemmeno immaginare. Scopriamo dunque qualcosa di più al riguardo.

Si tratta infatti di una eccezionale barriera che protegge i nostri condotti uditivi, senza la quale germi, microbi, sporcizia ed altri agenti esterni avrebbero vita molto più facile nell’intrufolarsi nel nostro organismo. Previene dunque moltissimi tipi di infezioni che si potrebbero sviluppare nei nostri condotti uditivi. Inoltre, sapevate che il colore del cerume può dirvi molto sulla vostra salute? Giallo e vischioso è tipico dell’adulto sano. Qualora il colore fosse diverso, sarebbe forse meglio effettuare un controllo dal vostro medico di famiglia.

Se il vostro cerume assume un aspetto vagamente grigiastro, niente paura: è tutto normale, non c’è bisogno di chiamare il medico solo per questo. Si tratta infatti di un colore tipico dei processi di pulizia in atto all’interno dell’orecchio. Discorso diverso invece se inizia a scatenarsi il prurito, poiché allora può trattarsi di un eczema ed il consulto medico è da incentivare.

A volte succede: siamo sicuri di avere le orecchie sporchissime, le sentiamo intasate ma quando poi andiamo ad esplorarne i meandri con il cotton fioc, l’estrazione ci lascia delusi: poco cerume e di colore giallo chiaro. Di norma è un colore tipico dei bambini, la cui produzione di cerume è molto superiore alla nostra, ma con il trascorrere del tempo diminuisce sempre di più.