Queste 12 condizioni degli occhi possono indicare diverse patologie (1 di 2)

I nostri occhi ci permettono di vedere il mondo, e per questo dovremmo prenderci la massima cura di loro. Ma non è questo l’unico motivo per cui controllare gli occhi è sempre opportuno: questi organi possono infatti essere indicatori di svariate patologie. Eventuali aree bianche sulla cornea posso essere il sintomo di un’infezione, e sono tipiche di chi porta lenti a contatto, mentre invece un cerchio biancho attorno all’iride può essere indice di ipercolesterolemia e di eccesso di trigliceridi nel sangue.

Gli occhi rossi sono tipici di chi soffre di insonnia, di chi ha semplicemente dormito poco (specie se dopo una notte trascorsa a fare baldoria) e, più in generale, testimoniano stanchezza ed affaticamento dell’intero organismo. Tuttavia se questo problema si presenta di continuo, chiedete consulto al medico: potrebbe essere indicativo di un’elevata pressione intraoculare (glaucoma) o di ipertensione generale. La secchezza degli occhi è invece tipica delle allergie stagionali, ma se associata a fotosensibilità potrebbe essere sintomo della sindrome di Sjogren, una patologia autoimmune alquanto rara.

Vedere bacelli e forme incolori particolari è normale quando si guarda verso il cielo o quando si fissa una parete dal biancore intenso, ma è molto meno normale continuare a vederli anche nella vita di tutti i giorni. In questo caso fareste meglio a rivolgervi ad un medico poiché potrebbe essere sintomatico di un danneggiamento della retina. Gli occhi gonfi e rossi invece, se non sono riconducibili a stanchezza, possono essere il segnale di un’infezione in corso: anche in questo caso, meglio controllare.