Lo stress e la depressione rimpiccioliscono il cervello, lo rivela uno studio (2 di 3)

Lo stress e la depressione rimpiccioliscono il cervello, lo rivela uno studio

“Volevamo testare l’idea che lo stress provochi una perdita di sinapsi nel cervello umano”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Ronald Duman, professore di Psichiatria, Neurobiologia e Farmacologia a Yale. Pertanto, il ricercatore ha affermato: “abbiamo dimostrato che i circuiti normalmente coinvolti nelle emozioni, così come nella cognizione, vengono interrotti quando viene attivato questo fattore di trascrizione”.

Questo gruppo di ricercatori ha analizzato i tessuti donati da pazienti depressi e non depressi, in questo modo ha individuato i diversi modelli di attivazione genica.

Lo stress e la depressione rimpiccioliscono il cervello, lo rivela uno studio

Lo studio ha rivelato che il cervello dei pazienti depressi mostrava livelli più bassi di espressione genica necessari per la funzione e la struttura delle sinapsi cerebrali.

Secondo il coautore HJ Kang, almeno cinque di questi geni possono essere regolati dal GATA1, basta solo questo unico fattore di trascrizione. Quando è stato attivato il fattore di trascrizione GATA1, i topi da laboratorio hanno mostrato sintomi legati alla depressione.

Lo stress e la depressione rimpiccioliscono il cervello, lo rivela uno studio

I ricercatori hanno capito che questo fattore di trascrizione non solo incide sulla perdita di connessione tra i neuroni, ma anche sui sintomi della depressione.

Ronald Duman, dopo aver condotto questo studio, è arrivato ad una conclusione interessante: le variazioni genetiche della GATA1 possono un giorno aiutare a identificare le persone ad alto rischio di depressione maggiore o sensibilità allo stress.Speriamo che, migliorando le connessioni sinaptiche, sia con nuovi farmaci che con la psicoterapia, possiamo sviluppare terapie antidepressive più efficaci“, ha affermato Duman.