L’infedeltà maschile è determinata da un quoziente intellettivo basso, lo dimostra uno studio (1 di 3)

L’infedeltà maschile è determinata da un quoziente intellettivo basso, lo dimostra uno studio

Gli uomini intelligenti non tradiscono, parola di scienza! Uno studio recente ha dimostrato che chi possiede un quoziente intellettivo alto, ha meno probabilità di tradire, se è un uomo. Ci sono tante ragioni per cui gli uomini e le donne tradiscono, ma sono proprio gli uomini ad avere maggiori probabilità di imbrogliare rispetto alle donne.

Vecchie storie raccontano che gli uomini non sono in grado di resistere alle tentazioni femminili e che le donne hanno più autocontrollo.

L’infedeltà maschile è determinata da un quoziente intellettivo basso, lo dimostra uno studio

Se in passato si pensava questo, negli ultimi anni è stato scoperto che le donne hanno raggiunto gli uomini con l’infedeltà. Uno studio del Kinsey Institute presso l’Università dell’Indiana ha scoperto che le donne tradiscono quasi allo stesso ritmo degli uomini. Il General Social Survey del 2013 negli Stati Uniti ha scoperto che il numero di mogli che hanno riferito di avere avuto relazioni extraconiugali, è aumentato di quasi il 40% negli ultimi due decenni, mentre il numero di uomini è rimasto pressoché costante.

L’infedeltà maschile è determinata da un quoziente intellettivo basso, lo dimostra uno studio

Gli uomini con QI più alti hanno meno probabilità di tradire

Alcune persone sostengono che tradire il partner è un segno di debolezza, ma la scienza dimostra altro. Uno studio del 2010, pubblicato sulla rivista Social Psychology Quarterly , ha scoperto che gli uomini con QI più alti avevano meno probabilità di essere infedeli ai loro partner.

L’autore, il dott. Satoshi Kanazawa della London School of Economics and Political Science, ha analizzato i risultati di due importanti sondaggi statunitensi che hanno avuto risposte da migliaia di adolescenti e adulti.