Le principali cause di affaticamento e come combatterlo (2 di 3)

Le principali cause di affaticamento e come combatterlo

Ogni interruzione ti sveglia per un momento, ma potresti non esserne consapevole. Il risultato: sei privato del sonno nonostante tu trascorra otto ore a letto.

Quanto ti eserciti.

Se pensi che l’attività fisica causa stanchezza, ci sono buone notizie per te: l’esercizio genera energia. La maggior parte degli studi afferma da sempre che le persone che conducono una vita sedentaria e iniziano ad allenarsi, si sentono meno stanche di prima. Una sorprendente verità è questa: più ti muovi e più ottieni energia.

Anemia.

L’anemia è una delle cause più comuni di affaticamento ed è molto facile individuarlo tramite un semplice esame del sangue.

Le principali cause di affaticamento e come combatterlo

L’anemia è un problema per le donne, specialmente per quelle che hanno pesanti periodi mestruali. Puoi curare l’anemia con una dieta ricca di ferro, di carne e verdure scure, se hai una carenza di ferro cronica puoi fare uso di integratori.

L’anemia è una delle principali cause di stanchezza nelle donne. La perdita di sangue mestruale può causare una carenza di ferro, mettendo a rischio le donne. I globuli rossi sono necessari perché portano ossigeno ai tessuti e agli organi. Per l’anemia causata da una carenza di ferro, assumere integratori di ferro e mangiare cibi ricchi di ferro, come carne magra, fegato, crostacei e fagioli, può aiutare.

Le principali cause di affaticamento e come combatterlo

Ipotiroidismo

La tiroide è una piccola ghiandola che si trova alla base del collo. Controlla il tuo metabolismo, la velocità con cui il tuo corpo converte il combustibile in energia. Quando la ghiandola è poco attiva e il metabolismo funziona troppo lentamente, potresti sentirti sempre stanco e potresti ingrassare.

Se un esame del sangue conferma che i tuoi ormoni tiroidei sono bassi, un farmaco specifico può aiutarti, ma ti consigliamo di parlarne con il tuo medico.

Sovraccarico di caffeina

La caffeina può migliorare la vigilanza e la concentrazione in dosi moderate ma troppa può aumentare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il nervosismo.