La leggenda della farfalla blu ci insegna che noi siamo gli unici veri responsabili della nostra felicità (2 di 3)

La leggenda della farfalla blu ci insegna che noi siamo gli unici veri responsabili della nostra felicità

Molte volte faceva fatica a trovare una risposta adeguata per le sue piccole. Vedendo l’irrequietezza delle sue due bambine, decise di mandarle in vacanza per vivere e imparare da un saggio, che viveva su una collina. Il saggio era in grado di rispondere a tutte le domande delle bambine, senza nemmeno esitare. Un giorno, le due sorelle decisero di fare un dispetto al saggio per misurare veramente la sua saggezza. Una notte, le due bambine avevano iniziato a covare un piano: porre al saggio una domanda che non era in grado di rispondere.

La leggenda della farfalla blu ci insegna che noi siamo gli unici veri responsabili della nostra felicità

Come possiamo ingannare il saggio? Quale domanda possiamo chiedergli che non sarà in grado di rispondere?“, chiese la sorella più giovane a sua sorella più grande.
Aspetta qui, te lo mostrerò subito“, rispose la più anziana delle due.
La sorella maggiore uscì nel bosco e tornò entro un’ora. Aveva il grembiule chiuso come un sacco e stava nascondendo qualcosa.
Cosa hai lì dentro?“, chiese la sorella minore. La sorella maggiore mise la mano nel grembiule e mostrò alla ragazza una bellissima farfalla blu.

La leggenda della farfalla blu ci insegna che noi siamo gli unici veri responsabili della nostra felicità

È così bella! Cosa ce ne faremo?
Questo sarà il nostro strumento per fare al saggio la nostra domanda trabocchetto. Andremo a cercarlo, e terrò questa farfalla in mano. Poi chiederò al saggio se la farfalla nella mia mano è viva o morta. Se lui risponde che è viva, stringo la mia mano e la uccido. Se lui dice che è morta, la lascerò volare via. Pertanto, indipendentemente da ciò che risponde, la sua risposta sarà sempre errata“.

Accettando la proposta di sua sorella maggiore, entrambe le ragazze andarono a cercare il saggio.