Infiammazione cronica e depressione: esiste un legame? Così ci roviniamo la vita (2 di 3)

Infiammazione cronica e depressione: esiste un legame? Così ci roviniamo la vita

“Le persone in sovrappeso o obese hanno di solito concentrazioni più elevate di citochine (molecole mediatrici dell’infiammazione, ndr) nel sangue. Sappiamo anche che gli individui in sovrappeso hanno una probabilità maggiore di essere depressi. Ma è così perché l’obesità provoca la depressione o perché la depressione causa l’obesità? La freccia del tempo, che unisce causa ed effetto, può andare in una delle due direzioni o anche in entrambe”.

Infiammazione cronica e depressione: esiste un legame? Così ci roviniamo la vita

Vi è una crescente evidenza che l’infiammazione può esacerbare o addirittura dare origine a sintomi depressivi. La risposta infiammatoria è una componente chiave del nostro sistema immunitario. Quando i nostri corpi sono invasi da batteri, virus, tossine o parassiti, il sistema immunitario recluta cellule, proteine ​​e tessuti, incluso il cervello, per attaccare questi invasori. La strategia principale è quella di contrassegnare le parti del corpo ferite, in modo da poter prestare loro maggiore attenzione.

Infiammazione cronica e depressione: esiste un legame? Così ci roviniamo la vita

L’infiammazione locale rende le parti danneggiate rosse, gonfie e infiammate. Quando la lesione non è localizzata, il sistema si infiamma. Questi fattori pro-infiammatori generano “comportamenti malati”. Questi includono cambiamenti fisici, cognitivi e comportamentali. Tipicamente, la persona malata sperimenta sonnolenza, affaticamento, tempo di reazione lento, disturbi cognitivi e perdita di appetito. Questa costellazione di cambiamenti che avvengono quando siamo malati, è adattiva. Ci costringe a dormire di più per guarire e rimanere isolati per non diffondere infezioni.