In quanto tempo digeriamo il cibo? È importante saperlo per restare in buona salute (2 di 3)

In quanto tempo digeriamo il cibo? È importante saperlo per restare in buona salute

Il momento migliore per elaborare alimenti con tempi diversi di digestione, è a pranzo quando il sistema digestivo è più attivo. I pasti per la colazione e la cena dovrebbero essere più semplici e preferibilmente con prodotti che vengono rapidamente digeriti, in modo da ottenere un aumento di energia subito dopo colazione e lasciare riposare lo stomaco di notte.

L’acqua entra nell’intestino immediatamente, il succo di frutta o la verdura impiegano 15-20 minuti. Le verdure crude impiegano 30-40 minuti per essere digerite, mentre le verdure di amido 1 ora e mezza o 2.

In quanto tempo digeriamo il cibo? È importante saperlo per restare in buona salute

Grani come riso, grano saraceno e quinoa, impiegano 2 ore per essere digerite.

Possibili problemi digestivi

Alcune condizioni possono interrompere la digestione e lasciarti con alcuni spiacevoli effetti collaterali come bruciore di stomaco, gas, stitichezza o diarrea. Eccone alcuni:

Il reflusso acido si verifica quando lo sfintere esofageo inferiore si indebolisce. Questo permette all’acido di tornare dallo stomaco all’esofago. Il sintomo principale è il bruciore di stomaco.

La celiachia coinvolge il tuo sistema immunitario che attacca e danneggia l’intestino quando mangi il glutine.

In quanto tempo digeriamo il cibo? È importante saperlo per restare in buona salute

La stitichezza è quando avvengono meno movimenti intestinali del solito. La stitichezza provoca sintomi come gonfiore e dolore addominale.

La diverticolosi crea piccoli sacchetti infiammati nel tuo intestino. I sintomi includono dolore addominale, stitichezza e gonfiore.

La malattia infiammatoria dell’intestino include la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Queste condizioni producono infiammazioni a livello intestinale.

La sindrome dell’intestino irritabile causa sintomi fastidiosi come gas, diarrea e costipazione.

L’intolleranza al lattosio si verifica quando il tuo corpo non ha l’enzima necessario per abbattere lo zucchero nei prodotti lattiero-caseari.