Il lato oscuro della maternità e della gravidanza, la verità che nessuno ti dice (1 di 3)

Il lato oscuro della maternità e della gravidanza, la verità che nessuno ti dice

Questo è un modo per dare forza a tutte le mamme che affrontano questa fase della loro vita, per farle sentire meno sole, meno fragili o addirittura sbagliate.

La nostra esperienza ci dice che una donna inizia ad essere madre quando tiene il suo bambino per la prima volta tra le sue braccia e non quando vede le due strisce che segnano il positivo nel test di gravidanza. Da lì inizia un’avventura che, ammettiamolo, non deve essere per forza positiva o piacevole, questa è la verità sull’essere madre.

Il lato oscuro della maternità e della gravidanza, la verità che nessuno ti dice

Durante la prima visita, un’infermiera ti dirà “Goditi la gravidanza“. E tu sarai felice e penserai “Oh, sì, certo che lo farò“, ma quando ti ritrovi ad abbracciare il water per vomitare, con forti mal di testa, improvvisi sbalzi d’umore, insonnia, bruciore, stitichezza, dolore al seno, forti vertigini e tutto è disgustoso, non pensi a quanto sia bello. Ti senti davvero male, male, molto male. La domanda è: con chi condivido tutto questo?

Il lato oscuro della maternità e della gravidanza, la verità che nessuno ti dice

Le donne che hanno già avuto figli, ti diranno che non è niente, ti diranno che cosa succederà, nel migliore dei casi, e penserai che tutti hanno vissuto una gravidanza migliore e penserai che sei tu quella strana. La cosa più seria è che le peggiori critiche verranno dalle donne. Donne che attaccano donne. Una specie di lotta per vedere chi è la più sofferente.

Iniziano 40 settimane in cui l’evoluzione umana ti preparerà ad essere una madre. Vale a dire, diventerai un essere sempre più sensibile agli atti d’amore, ma anche alle preoccupazioni del mondo e alla cura della tua famiglia.