I secondogeniti sono le “pecore nere” della famiglia: lo rivela la scienza (3 di 3)

I secondogeniti sono le “pecore nere” della famiglia: lo rivela la scienza

Naturalmente, questo non significa che tutti i secondi figli siano pecore nere, ma lo studio suggerisce che il rischio è lì e che dovresti esserne consapevole, per evitare questa “maledizione”.

Cosa rende i secondogeniti così diversi dai loro fratelli più grandi? Da un lato, Doyle suggerisce che i genitori sono più dediti all’educazione del primogenito, perché non vogliono che commetta errori in una situazione che non gli è familiare.

I secondogeniti sono le “pecore nere” della famiglia: lo rivela la scienza

Quando arriva il secondo bambino, i genitori sono semplicemente meno vigili, perché hanno la sensazione di aver già superato in qualche modo, il “test genitoriale”. Dopo aver cresciuto il primo figlio, diventano più rilassati e danno al secondo più libertà. “Il primogenito vede come modelli di ruolo, i suoi genitori e quindi gli adulti. Il secondogenito invece, vede i bambini. I figli nati dopo, si comportano in base all’esempio dei bambini più grandi di loro”.

I secondogeniti sono le “pecore nere” della famiglia: lo rivela la scienza

“Sia il livello di dedizione dei genitori, che è diverso con i secondi figli, sia le influenze dei fratelli, probabilmente contribuiscono a queste differenze che vediamo nel mercato del lavoro e che troviamo nella delinquenza. È molto difficile separare queste due cose perché accadono contemporaneamente”. 

Tuttavia, hanno escluso altre ipotesi frequenti. Hanno scoperto che le differenze di salute alla nascita, l’età in cui imparano l’educazione, l’istruzione e la condotta a scuola, persino l’impegno della madre durante il suo primo anno di vita, non influenzano la sua personalità problematica.

Scopri altre storie curiose