Gli scienziati spiegano come l’ansia influenza le probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer (2 di 2)

Gli scienziati spiegano come l’ansia influenza le probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer

“Piuttosto che guardare la depressione come una malattia, abbiamo osservato alcuni sintomi specifici come l’ansia. Se confrontato con altri sintomi di depressione come tristezza o perdita di interesse, i sintomi dell’ansia sono aumentati nel tempo in quelli con livelli di beta-amiloide più elevati nel cervello. “

Alzheimer

La peptide betaamiloide, comunemente chiamata beta-amiloide, è una proteina presente nella membrana adiposa che circonda le cellule nervose. Una sostanza chimica “appiccicosa”, la beta-amiloide tende ad accumularsi progressivamente in una placca. Dal punto di vista neurologico, si ritiene che la beta-amiloide ostruisca l’attivazione delle cellule nervose (neurone), portando al declino delle funzioni cognitive.

Gli scienziati spiegano come l’ansia influenza le probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer

Secondo Donovan e i suoi colleghi, i pazienti di Alzheimer con livelli di beta-amiloide superiori alla media, tendono a manifestare un aumento dei sintomi di ansia.

Lo studio di Donovan coinvolge 270 anziani anziani di età compresa tra i 62 ei 90 anni. Durante tutto il periodo di cinque anni, i partecipanti dovrebbero sottoporsi periodicamente a scansioni con tomografia a emissione di positroni (PET). Le scansioni PET sono utili per determinare i livelli di sostanze all’interno delle aree del cervello, compresa la beta-amiloide.

Oltre alle scansioni PET, ogni partecipante ha completato una valutazione annuale della salute mentale.

Gli scienziati spiegano come l’ansia influenza le probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer

I ricercatori stavano cercando l’auto-valutazione di ciascun soggetto attraverso tre sintomi depressivi primari utilizzando una scala della depressione di 30 elementi: ansia, apatia-anedonia (livelli estremamente bassi di motivazione) e disforia (disagio o insoddisfazione della vita). I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con un aumento dei sintomi di ansia avevano livelli più elevati di beta-amiloide. L’effetto non era altrettanto significativo per altri sintomi depressivi.

In breve, questa nuova ricerca mostra che il peggioramento dei sintomi dell’ansia può essere un indicatore del morbo di Alzheimer prima dell’affioramento del danno cognitivo.

Scopri altre storie curiose