Fame nervosa addio: 5 strategie per gestirla al meglio (2 di 3)

Fame nervosa addio: 5 strategie per gestirla al meglio

Nell’età adulta, sarà difficile distinguere la fame da altri fattori come ansia, rabbia, noia, ecc.. e si vorrà mangiare in base a questi stati emotivi.

Sensazione di privazione. Si riferisce a persone che sono state costrette a rinunciare a determinati alimenti e, di conseguenza, li desiderano più intensamente, solo perché sono vietati. Qualunque sia l’origine, la fame nervosa non dipende dai bisogni fisici, ma da altri fattori, tutti legati alla sfera emotiva come:

Fame nervosa addio: 5 strategie per gestirla al meglio

Tristezza: non depressione, ma semplicemente tristezza, per ragioni più o meno ovvie.

Ansia: l’ansia legata alla fame è probabilmente dovuta alla somiglianza con la vera fame, in particolare, il “buco nello stomaco”.

Noia: il cibo è il modo più facile (e più dannoso) per liberarsi dalle grinfie della noia, interrompendo un pomeriggio ozioso, una mattina vuota ecc.. in pratica è un modo per riempire il tempo vuoto.

Solitudine: il cibo sostituisce qualcosa che manca. Se una persona è nervosa e non ha niente da fare, non ha distrazioni o cose simili, mangia.

Fame nervosa addio: 5 strategie per gestirla al meglio

Rabbia: molte persone mangiano per il risentimento, l’amarezza, la rabbia o la frustrazione. Questo non risolve la situazione e la peggiora soltanto.

Felicità: qui il pensiero non è assolutamente negativo, inoltre, il cibo è semplicemente la concretizzazione di un evento piacevole, un anniversario, una bella giornata, un incontro sociale: senza un buon Il cibo non sarebbe goduto allo stesso modo.

Ricorri al cibo quando stress o nervi ti assalgono? Farlo non è l’opzione più salutare. Come puoi evitare la fame nervosa?

Lo stress, l’ ansia, le preoccupazioni e persino la noia, possono farci commettere eccessi con il cibo.