Ecco perché la mancanza di sonno può essere molto dannosa (2 di 2)

Ecco perché la mancanza di sonno può essere molto dannosa

Ad onore del vero, molti altri esperti del settore concordano perfettamente con il Professor Walker su questo punto. E’ stato infatti ampiamente dimostrato da numerose ricerche che dormire meno di 5 ore per notte in maniera abituale, sia un comportamento davvero molto pericoloso per la salute dell’organismo. Nel lungo periodo, i rischi associati a diverse patologie molto gravi aumentano in maniera vertiginosa. Ad ogni modo, molti di noi fanno ancora fatica ad interpretare la difficoltà a prendere sonno come la conseguenza diretta di un eccesso di stress o ansia.

Grazie al suo lavoro pluridecennale su questo tema, il professor Walker, nato a Liverpool, ha aiutato moltissimo la ricerca sulle conseguenze per la salute della mancanza di sonno, scoprendo addirittura l’esistenza di una correlazione positiva tra questo fenomeno e la demenza senile. Inoltre, come ampiamente documentato da vari studi scientifici, tutti i soggetti di età superiore ai 45 anni che dormono meno di 6 ore per notte hanno il 200% di possibilità in più di soffrire di un infarto. Oltre a tutto ciò, la mancanza di sonno aumenta notevolmente i livelli di zucchero nel sangue, con un conseguente rischio di fallimento della risposta insulinica.

Stando a quanto affermato da Walker, la presa di coscienza di un disturbo legato al sonno è qualcosa di assolutamente personale e che può avvenire nei modi più diversi. Solitamente, dice il massimo esperto, le persone che non riescono a svegliarsi nemmeno con l’allarme della sveglia, sono soggetti ad una deprivazione del sonno. Lo stesso discorso vale per tutti coloro che non riescono a fare a meno della caffeina. Per rimediare a tutto ciò, occorre in primo luogo prendersi un periodo iniziale di riposo e riprendere a concepire il sonno come un’attività molto importante della propria routine quotidiana. Trascurare questa attività o metterla in secondo piano è un errore che non bisogna mai commettere.

Scopri altre storie curiose