Ecco come puoi essere manipolato in base al tuo segno zodiacale (2 di 3)

Ascolta questo articolo

Ecco come puoi essere manipolato in base al tuo segno zodiacale

LEONE (23 luglio – 22 agosto)

Le persone ti manipolano lodandoti e facendoti credere che l’azione che vogliono che tu faccia ti avvantaggerà molto. Puoi essere influenzato da un parlatore senza problemi e qualcuno che ti dice cosa vuoi sentire. Sei intelligente e sai quando qualcuno ti sta dando una linea di BS, quindi ascolta la tua voce interiore e pensa prima di fare qualcosa di cui ti pentirai.

VERGINE (23 agosto – 22 settembre)

È facile per le persone attingere alle tue insicurezze e farti fare ciò che vogliono. Cerchi la perfezione ma tendi a sentirti come se fossi caduto corto.

Ecco come puoi essere manipolato in base al tuo segno zodiacale

Qualcuno con una personalità manipolativa metterà alla prova la tua esperienza e le tue conoscenze e ti farà fare ciò che vogliono.

BILANCIA (23 settembre – 22 ottobre)

Tendi a controllare gli altri invece di essere controllato. Vuoi che le persone ti apprezzino, così fai i legwork e scopri cosa gli piace, cosa non gli piace, chi sono e cosa li rende interessanti, e poi lavori per presentare come loro perfetto amico o partner.

Non sei manipolativo in modo crudele, ma in un modo mirato, pronto per l’uso. Anche se questo travolgente bisogno di essere apprezzato può essere usato come un modo per controllarti.

Ecco come puoi essere manipolato in base al tuo segno zodiacale

SCORPIONE (23 ottobre – 21 novembre)

Mentre è difficile manipolarti, le tue intense emozioni possono essere usate contro di te. Se pensi che qualcuno ti abbia fatto un torto, non ti fermerai finché non avrai la tua vendetta. È tutto molto shakespeariano con il tuo incredibile bisogno di vendetta e vendetta. Se sei più innamorato di qualcuno di quello che sono con te, dai loro il potere di usare i tuoi sentimenti a loro vantaggio.

SAGITTARIO (22 novembre – 21 dicembre)

Se qualcuno vuole manipolarti, tutto ciò che devono fare è farti sentire disconnesso.