Ecco 8 segnali di allarme di abuso alcolico (2 di 2)

Ecco 8 segnali di allarme di abuso alcolico

Se la negazione o l’aggressività piatta non è la modalità prescelta di evitamento, la maggior parte degli alcolizzati avrà una spiegazione apparentemente razionale per il loro comportamento. Lo stress sul lavoro, i problemi a casa o l’abbondanza di attività sociali sono motivi comuni per spiegare il loro comportamento dannoso.

Molti alcolizzati berranno da soli, o sgusciano da una bottiglia in una scrivania o in auto. Questo tipo di bere nascosto è un’enorme bandiera rossa e non c’è altra spiegazione per questo comportamento oltre all’alcolismo.

Ecco 8 segnali di allarme di abuso alcolico

L’alcolismo è uno dei più comuni disturbi psichiatrici esistenti. Viene spesso ereditato da altri membri della famiglia, sebbene possa anche presentarsi indipendentemente con un consumo eccessivo di alcol nel tempo. L’abuso di alcool è considerato un fattore in circa 100.000 decessi all’anno e causa molti problemi sociali, tensioni relazionali, atti di violenza e problemi legali. Non c’è niente di sbagliato nell’assumere qualche drink ogni tanto se lo fai in modo sicuro e hai l’età legale per bere, ma imparare a riconoscere se hai un problema con l’alcol può aiutarti a ottenere il trattamento e il supporto di cui hai bisogno per smettere questa dipendenza da dipendenza .

Ecco 8 segnali di allarme di abuso alcolico

Riconoscere i segni della tolleranza alcolica. Uno dei segni più comuni di abuso / abuso di alcool è la tolleranza. La tolleranza si verifica quando il tuo corpo si abitua a consumare una certa quantità di alcol con frequenza ricorrente, il che significa che potresti aver bisogno di sei bevande invece di tre o quattro per sentirti intossicato.

Manteniamo la nostra società produttiva, sicura e sobria tenendo gli occhi aperti difronte ad un comportamento problematico al fine di ottenere l’aiuto da parte di qualcuno che ci vuole bene, come amici, partner o familiari. Se proprio non si riesce ad uscire è meglio parlarne con un dottore o psicologo.

Scopri altre storie curiose