Disoccupato acquista una casa nella roccia per un euro: “E’ stata la mia fortuna più grande” (2 di 3)

Disoccupato acquista una casa nella roccia per un euro: “E’ stata la mia fortuna più grande”

È stato incredibilmente difficile creare una vera e propria casa, ma ce l’abbiamo fatta, pensando che avremmo potuto farlo”, dice Lotte.

Amboise in Francia era una volta dimora di molti luminari, tra cui Leonardo Da Vinci ed è costellata di splendidi paesaggi e palazzi storici. È stata una scelta idilliaca per la casa. “Siamo stati ingenuamente ottimisti nel modo in cui i giovani tendono ad essere. Pensavamo a quanto lavoro avrebbe potuto richiedere. Aggiustare, rinnovare, ripulire, serviva acqua, elettricità e tanto altro. Tutto questo lavoro si è rivelato un’impresa da capogiro.”.

Disoccupato acquista una casa nella roccia per un euro: “E’ stata la mia fortuna più grande”

Hanno assunto solo un muratore a causa delle loro finanze, tramite lui hanno imparato vari trucchi del mestiere e Alexis, insieme alla sua fidanzata, hanno fatto tutto loro. Dallo scavo e alla piastrellatura alla cucina. Hanno imparato molte cose.

Non era una cosa che andava secondo i loro piani quella di fare un duro lavoro fisico completamente da soli. Hanno chiesto a diverse banche un prestito. Inizialmente avevano pensato di rinnovarlo e rivenderlo ma non avevano l’appoggio della banca. Sono stati giorni molto difficili per la coppia. Hanno lavorato per tre anni per trasformare la grotta in una vera e propria casa dei sogni.

Disoccupato acquista una casa nella roccia per un euro: “E’ stata la mia fortuna più grande”

Alex lavorava al ristorante della famiglia e appena aveva tempo, lavorava per la grotta. Sembrava che questo lavoro non avesse mai una fine ma con pazienza sono andati avanti con il progetto .

Nessuno sa quando è stata scavata questa grotta. “Quando hanno iniziato a far esplodere le montagne per costruire castelli ai vecchi tempi, queste grotte si sono formate su tutte le montagne, quindi la gente si è trasferita qui e ha iniziato a vivere qui”, dice Lotte. Qualunque sia la storia della grotta, è stata abbandonata da secoli. Stavano quasi per arrendersi ma poi hanno pensato di trasferirsi senza elettricità, anche se l’acqua c’era non avevano possibilità di avere acqua calda.