Alimentazione in gravidanza: i cibi più adatti e quelli da evitare per contribuire alla formazione di un bimbo sano (2 di 3)

Alimentazione in gravidanza: i cibi più adatti e quelli da evitare per contribuire alla formazione di un bimbo sano

Gli alimenti da consumare sono: latticini, uova, carne e frutti di mare cotti.

Entro la fine del primo trimestre, il cervello del bambino inizia a svilupparsi più velocemente di qualsiasi altra parte del corpo. Mangiare alimenti ricchi di acidi grassi omega-3 e DHA in questa fase, fornirà i nutrienti necessari per aiutare in questo processo: sgombro, sardine e integratori vitaminici prenatali contenenti EPA o DHA.

Settimane da 13 a 28

Questa è una fase cruciale in quanto il bambino si sta sviluppando velocemente.

Alimentazione in gravidanza: i cibi più adatti e quelli da evitare per contribuire alla formazione di un bimbo sano

Hai bisogno di molte sostanze nutritive in questo momento: beta-carotene e DHA per gli occhi, carote, patata dolce, spinaci, sgombro, sardine, calcio per lo sviluppo e il rafforzamento delle ossa, latte, yogurt, tofu, formaggio, vitamina D per aiutare ad assorbire il calcio, aringa, zinco per la produzione, la riparazione e il funzionamento del DNA, carne rossa, mollusco, fagioli, noccioline, cereali integrali e latticini.

Settimane da 29 a 40

Quando inizi ad avvicinarti alle ultime settimane di gravidanza, ci sono molte cose che devi aggiungere alla tua dieta.

Alimentazione in gravidanza: i cibi più adatti e quelli da evitare per contribuire alla formazione di un bimbo sano

Vitamina K per aiutare con i coaguli di sangue: cavolo, spinaci, lattuga a foglia verde, bietola, broccoli, cavolfiore, cavolo. Calcio e magnesio per ossa più forti: latte, formaggio, legumi, avocado, banana e lamponi. Selenio per una sana funzione polmonare: noci brasiliane, uova e riso integrale.

Post nascita

È molto importante prendersi cura di se stesse dopo il parto. Quello che mangerete avrà un impatto sui nutrienti che il bambino riceverà attraverso il latte materno. Inoltre, è importante mantenersi in salute.