5 sintomi ‘pericolosi’ di cui in realtà non dovremmo preoccuparci! (2 di 2)

5 sintomi ‘pericolosi’ di cui in realtà non dovremmo preoccuparci!

Il ciclo irregolare. Le donne lo sanno: le mestruazioni ‘arrivano’ una volta al mese. Alcune donne prendono questa ‘regola’ troppo alla lettera. Una volta al mese non vuol dire che precisamente ogni 30 giorni arriva il ciclo. Secondo numerosi libri, un ciclo mestruale ‘sano’ e normale ha una cadenza che va dai 21 ai 45 giorni. E sono le piccole cose a influenzarlo: lo stress al lavoro, il cambio di latitudine (vacanze) e perfino cambiamenti nell’alimentazione. Quindi se ogni tanto il tuo ciclo è un po’ irregolare, non andare nel panico: è perfettamente normale.

5 sintomi ‘pericolosi’ di cui in realtà non dovremmo preoccuparci!

Quando siamo ‘calmi’, raramente ci accorgiamo di come batte il cuore. Ma alcune persone prestano attenzione e possono notare come il battito, a volte, sia più veloce del solito. Quando ciò succede, alcuni ipocondriaci vanno dal dottore pensando che qualcosa non va. Nella maggior parte dei casi, però, è perfettamente normale. Quando andavamo a scuola ci hanno insegnato che il cuore, in un minuto, batte 60 volte. In realtà può arrivare anche a 100. Ciò dipende da numerosi fattori: l’alimentazione, lo stile di vita (fumare e fare poca attività fisica sono tra le cause di un battito accelerato) e i livelli di stress.

5 sintomi ‘pericolosi’ di cui in realtà non dovremmo preoccuparci!

Il formicolio alle mani o ai piedi è un sintomo avvertito da moltissime persone. Il più delle volte è ‘benigno’, non è nulla di serio. Forse ti sei seduto/a troppo a lungo con le gambe incrociate o hai dormito male, in una posizione scomoda. In ogni caso, se il formicolio non va via ed è accompagnato da prurito o dolori, può essere un segnale di qualcosa di più grave, come diabete o danni a livello nervoso.

Insomma, l’avete capito: è importante prendersi cura della propria salute ma è altrettanto importante tenere lontani lo stress, l’ipocondria e la costante paura di malattie gravi.

Scopri altre storie curiose