3 modi per superare la fine di una storia d’amore (secondo la scienza) (1 di 3)

3 modi per superare la fine di una storia d’amore (secondo la scienza)

Non importa come finisca una relazione, la rottura può essere davvero atroce. Vorremmo poter dire semplicemente “Grazie di tutto” ed evitare tutto il dolore ma purtroppo, non sempre riusciamo a superare queste sofferenze. Fortunatamente, la scienza ha rivelato 3 modi per superare una rottura.

Uno studio pubblicato nel Journal of Experimental Psychology: General, ha affermato che esistono 3 modi per superare la rottura. Per questo studio hanno partecipato 24 persone di età compresa tra i 20 e i 37 anni, indipendentemente da chi ha lasciato chi, queste persone hanno subito una rottura d’amore ed hanno risposto ad un questionario.

3 modi per superare la fine di una storia d’amore (secondo la scienza)

La durata media della loro relazione era di 2,5 anni.

La prima strategia comportava una rivalutazione negativa dell’ex-partner. Ai partecipanti è stato chiesto di pensare alle cose che non piacevano ai loro ex amanti, ad esempio le loro fastidiose abitudini. L’idea è che più ti ricordi di ciò che non piaceva al tuo ex, più è facile superare la rottura. Questo modo si è dimostrato efficace dal momento che i risultati hanno dimostrato una diminuizione dei sentimenti, ma questo metodo ha portato i partecipanti a sentire anche sentimenti di rimpianto.

3 modi per superare la fine di una storia d’amore (secondo la scienza)

La rivalutazione dei sentimenti d’amore è la seconda strategia. I partecipanti sono stati inviati a leggere dichiarazioni del tipo “va bene amare una persona con cui non stiamo più“, in silenzio e provare a credere in quello che si leggeva. In questo modo, hanno potuto riflettere su queste frasi per comprendere che non è giusto continuare ad amare una persona che ci ha lasciati.

Nella terza strategia, chiamata condizione di distrazione , ai partecipanti è stato chiesto di individuare gli aspetti positivi che non erano correlati alla rottura o all’ex, ad esempio: “Qual è il tuo cibo preferito? Perché?”.