10 frasi che possono rovinare il tuo rapporto con il capo (1 di 3)

10 frasi che possono rovinare il tuo rapporto con il capo

Il motivo più comune per un divorzio è solitamente “la nostra personalità non corrisponde”, mentre la ragione più comune per essere licenziati da un lavoro è “Volevo che succedesse”. Ma in entrambi i casi, un sacco di problemi ed errori sono nascosti dietro queste parole e anche se ci sono molti articoli e molte ricerche che rivelano errori nelle relazioni sentimentali, la relazione “dipendente-datore di lavoro” deve ancora essere investigata a fondo.

Ecco 10 errori che i dipendenti spesso fanno quando comunicano con il loro capo:

“Ho bisogno di un aumento del mio stipendio perché devo sistemare la mia casa.”

Puoi e dovresti parlare con il tuo capo per ottenere un aumento se questa richiesta è

10 frasi che possono rovinare il tuo rapporto con il capo

supportata da risultati professionali reali. I tuoi problemi e bisogni personali non dovrebbero essere collegati al processo di lavoro e non importa quanto possa sembrare maleducato, al tuo capo non interessa affatto. È permesso chiedere aiuto in una situazione davvero difficile. Ma in altri casi, dimostra di meritare di più invece di cercare di far provare compassione al tuo capo.

Un modo migliore per dirlo: “Ho triplicato la produttività negli ultimi 6 mesi, quindi ti sto chiedendo di aumentare il mio stipendio”.

“Posso andarmene dopo pranzo oggi? Non c’è niente da fare in ufficio comunque. “

10 frasi che possono rovinare il tuo rapporto con il capo

Se il tuo lavoro comporta un piano giornaliero che significa che sei libero di andare dopo averlo realizzato, allora puoi usare facilmente questa frase dopo aver terminato le tue attività quotidiane. In tutte le altre situazioni, ti farà solo del male. Da una parte, ti mostrerai come non interessato al lavoro, d’altra parte, avrai una dozzina di nuovi compiti invece di essere in grado di andartene. Un modo migliore per dirlo: “Posso andare a casa dopo pranzo?” Questa frase è solitamente seguita dalla ragione di questo congedo, ma in realtà non è necessario dirlo. Ricorda di non fare riferimento alla noia o alla mancanza di cose da fare.